Let’s talk about food sustainability

First published on ICOLORI (Interview with Norman Cescut at TedXBocconiU)

.

How and when did you get to know about TED?

I have been acquainted with TED for a while no but I never saw myself playing a main part in a TED conference. So when I received an invitation to be a speaker at TEDx suddenly before last Christmas, I was quite surprised. I didn’t expect it at all.

How did you prepare for the talk?

In this period of the year I am very busy business-wise. So I tried to prepare myself in the limited free time I had available. In my presentation I managed to condense three years of experiences in 15 slides. Something crazy.

The topic of the conference is ReThink. Reinvent the World around you. How would you reinvent the world around you?

I would try to change the mentality and the culture of people when it comes to sustainability. You will see exactly how later today! (Laughing)

I see that you are passionate about food service and franchising and sustainability. How did these passions come to be?

For me business and passion is the same thing. I am doing what I like. Food service and franchising are part of my core business. Sustainability became part of my business almost three years ago. I am trying to do business in a responsible way because I trust that that’s the future, not because there is a trend of green business.

noe

The utopia of sustainable business seems is appealing. But it seems to me, especially from the perspective of a business student, that for now sustainability is just a market trend.

That is why tomorrow in one slide I will talk about the revolution. If we treat sustainability as a trend, it will end. If we instead treat it as a revolution, the revolution has to be irreversible, without any turning back.

Do you see a future where sustainable and responsible will be equally important as profitable?

Yes.

Even for big profit-oriented bureaucratic structures?

Yes. That is a dream but…

You are a dreamer.

Yes. (Laughing) Otherwise I wouldn’t be here!

Your TEDx profile summarizes your philosophy in the following quote:

“Who’s masters of the art of living, does not make a distinction between work and leisure, body and soul, education and recreation, love and faith. S/he simply pursues the highest standards of excellence in anything s/he does; whether s/he is working or playing is for the others to decide. S/he always strives to do both at the same time.”

What is the path to becoming a master, at least the one that you took?

Just put the heart in everything you do. You have to feel it.

How do you push people to trust their heart and pursue their passion? Especially, young people.

We can only show the way, we don’t have to push people. We have to show the correct way and let the people follow if the people are willing to follow. I am not a person who is willing or able to push people. It has to be your choice, not mine. Otherwise, it is not real.

I saw that you keep your own blog on design, innovation, trends and responsibility. You seem to have a broad range of passions and interests. What was your latest source of inspiration?

Oh, too many. Travelling is inspiring. I love travelling for leisure and business-wise. The entire journey is inspiring- meeting different people and cultures, eating different food (Laughing). Inspiration is in the complexity of things, not in single acts.

——————————————————————————————-

Thanks to Kalina Lukanova – ICOLORI.org – for the great support and pleasantness.

——————————————————————————————-

Sostenibilità: la mia verità

Si, la verità. Nient’altro che la verità. Perlomeno la mia, ovvio.

2006_Sustainability_Conf_logo

L’idea mi venne in mente lo scorso gennaio, quando alle prese con la presentazione per il mio intervento al TEDxBocconi, ho dovuto ripercorrere a ritroso più di 3 lunghi anni. Al TED, avrei dovuto parlare delle mie esperienze professionali in relazione con la sostenibilità, partendo dal progetto di ECOFFEE. Chi ha parlato in pubblico, senza essere un oratore e chi ha domestichezza con le presentazioni in Power Point, sa benissimo quanto sia difficile riassumere e racchiudere più di 3 anni di esperienze in 15 minuti e 15 slides a disposizione. Se poi, come detto nel post relativo, oltre all’emozione, ci si mette anche l’influenza …

Comunque, l’idea maturata nel tempo, è quella di scrivere per benino le mie esperienze, i progetti, le persone e le aziende incontrate e tutto quello che mi è accaduto nel bene e nel male, fino a questi giorni. In poche parole, esplicitare al massimo il mio intervento al TED, raccontando aneddoti e dettagli. Si, come detto, nel bene e nel male.

Perchè? Perchè la sostenibilità, quella vera, non è quella che si pensa o quella che si legge sui giornali o su internet. Non è quella che vi propinano le aziende dagli slogan tutti “green oriented” o i manager dai titoli inventati e posticci. Probabilmente non sarà nemmeno quella che vi racconterò io. Starà a voi giudicare, ma vi assicuro che scoprirete cose interessanti.

Quindi? Se avrete pazienza e voglia di leggere il mio punto di vista, prossimamente pubblicherò “svariati capitoli” sulle mie esperienze personali e la sostenibilità. Spero di riuscire ad essere abbastanza costante, perchè fino a febbraio ho già l’agenda abbastanza fitta di impegni importanti e viaggi all’estero e soprattutto, spero vi interessi.

Un ultima premessa: il mio blog è impostato sia per l’italiano che per l’inglese, a seconda di cosa voglio pubblicare e del pubblico a cui mi rivolgo. I post sulla sostenibilità saranno in italiano. Capirete da soli il perchè.

Buona lettura.

Add your own creations to the menu

Tokyo’s Logbar uses iPads to enable its patrons to make their own concoctions and add them to the menu for other guests to buy.

During my daily research on the web I usually find great ideas or new trends that help me to enlarge my professional know-how and related vision but today, thanks to my friend Silvia who forwarded me this news, I’m glad to share with you something which sound to me like a new era of social entertainment or social involvement and why not a new way to make profit.

20130808-130933.jpgHere how it works: “Each customer is handed an iPad Mini upon entering Logbar and is required to create an account and fill out their personal profile before they can use the device. When they do, they can access the bar’s drinks menu, place an order and take advantage of a number of social features, such as liking and sharing their favorite cocktails and chatting with friends and other guests. Each account holder gets a news feed which logs their recent orders, shows them what other people in the bar are drinking and offers recommendations based on their choices. While Logbar stocks many popular cocktails such as Mojitos and Martinis, the platform enables users to make their own cocktails by selecting the glass, alcoholic ingredients, mixers and adornments. They can then order the creation, name it and add it to the menu for anyone else to try.
Important: Creators receive JPY 50 whenever someone else orders their creation.
The video below explains a bit more about the concept:

The system aims to better connect customers through fun, creative activities and communication channels, and the possibility for guests to make money while they drink is certainly a unique one. (source)

Do you think this kind of interactivity could be healthy for the business?

Business Retail Tour e fiera del Franchising di Dubai

Vi piacerebbe sviluppare il vostro business in un mercato in crescita?

Se pensate che il vostro Franchising  sia adatto al mercato degli Emirati Arabi Uniti e/o quello del Medio Oriente in generale, la prima esplorazione da compiere è proprio nella città più in fermento del mondo: Dubai.

burj-dubai-copyright-som-s

Se stavate pensando di andarrci per prendere i primi contatti con il mercato locale, vi sarete sicuramente chiesti:

– Come faccio ad ottimizzare la mia permanenza e di conseguenza i miei costi?

Come faccio ad organizzare le visite e gli incontri dall’Italia?

– Chi può darmi strumenti ed informazioni per prendere la decisione giusta?

Riuscirò a conoscere gli investitori locali?

L’importante occasione è in concomitanza con la 5° Franchise UAE EXPO, la Fiera Internazionale del Franchising e del Retail, di cui DESITA è promotore esclusivo per l’Italia, che si svolgerà a Dubai il 25 e 26 settembre prossimi.

Recenti studi hanno dimostrato che il 97% dei fallimenti è derivato da una mancanza di attenzione verso i mutamenti del mercato. Questo significa che lavorare in un determinato settore senza conoscerne e anticiparne in maniera approfondita le dinamiche evolutive espone il business a rischi sostanziali, fino a minacciarne la profittabilità e la sopravvivenza. Chiaramente questi rischi risultano accentuati in un periodo di crisi. Chi desidera superare questo brutto periodo deve innanzi tutto lavorare su un elemento di discontinuità culturale, modificare il proprio approccio al mercato.

DESITA, società di consulenza e progettazione di spazi Retail con forte know-how nel settore della ristorazione e nello sviluppo Franchising, presente a Dubai da oltre 10 anni, in collaborazione con Milano Retail Tour, l’unico format rivolto alle aziende per esplorare le tendenze emergenti nei luoghi del Retail milanese ed internazionale, vi propone un viaggio alla scoperta del cambiamento in atto nel mondo del Retail di Dubai, nonché la possibilità di incontrare selezionati investitori arabi, tramite meeting B2B dedicati ed esclusivi.

Per scaricare la presentazione: Business Retail Tour

Per maggiori informazioni, scrivere a info@desita.it

dubai_masterplan

“How to make everyday a sustainable one”

TEDxBocconiU – ReThink: ReInvent the world around you!

2013-02-23 11.19.21First of all, I wish to thank all TEDxBocconiU team for the great event organised and in particular a BIG thanks to Ivana Istochka and Eraldo Cavalli.

I have been one of the 14 selected speakers of TEDxBocconiU and had the pleasure to connect with very interesting and inspiring people from all over the world.

That day I was very sick with temperature and a big cold; even the adrenaline was soft due the very bad feeling. What a bad luck. Invited to that special and prestigious stage and not be able to be at 100%. Trust me, I couldn’t slept the night before. Nightmares.

It was February and Milano was freezing while expecting the snow but thanks to the good marketing actions, lot of people came to the event.

In my speech I’ve tried to summarize three years of activities related to sustainability: the ECOFFEE project, couple of case histories on my daily business, the Progetto ParCO2 project and the Eco Mindful Message Attached t-shirts project. It has been very hard to squeeze everything in about 15 minutes.

Hope you will enjoy the video and the speech in terms of contents and the related meaning. 

And some nice photos.

This slideshow requires JavaScript.

La sostenibilità in pratica (nel Franchising)

Intervista pubblicata su AZ Franchising di maggio 2013.

Ringrazio i colleghi di AZ Franchising, Media partner di Iref Italia, per la gentile e sempre professionale collaborazione.

la sostenibilità in pratica

In-store marketing and it’s influence on customer spending

Two days ago, I made my second speech of the year.

After the prestigious stage of TED, at the Bocconi University, this was the time to perform at BIFEX, the Beirut International Franchising Forum and Exhibition.

Professional people from allover the GCC countries but also some from oversea, attended to this very well organised event by Al-Iktissad Wal-Aamal, to share the Franchising philosophy, new trends and related businesses opportunities.

I wish to thanks the greatness Lebanese Franchise Association people for the very kind invitation and I hope to continue our cooperation as per our talks, checking the possibility of twinning Lebanon and Italy, therefore the LFA with IREF Italia.

For those who couldn’t attended, I’m gladly sharing here my speech presentation. Any questions or feedback are highly appreciated.

2013-04-18 07.02.32

This slideshow requires JavaScript.

Ixsir it means Elixir: in vino veritas

I am writing from Beirut, the very active and beautiful Lebanese capital.  I’m here to visit the Horeca Exhibition, to meet with some potential clients and to attend to BIFEX where I’ve been invited as speaker.

Today I wish to share with you a great experience I had last Sunday in the suggestive country side. I had the pleasure to visit a wonderful vineyard and winery.

“The vision behind the wines IXSIR is to reveal the best local Lebanese sometimes forgotten for generations. Created by friends sharing a common passion for wine and Lebanon IXSIR is the culmination of their dream. They managed to develop fine wines that will be forever associated with the land of their ancestors. The wines IXSIR combine a rich variety of grapes grown on land carefully selected to symbolize the diversity of Lebanon. Batroun, north to Jezzine, south through the Bekaa Valley to the east, the vineyards chosen include everything the country has to offer. Winemaking and aging in cellars are above which rests the mansion. Located on the hills of Batroun, this bastion of regional heritage dates from the 17th century and overlooks a modern vineyard whose heart is sustainability priorities. It combines all the resources of the earth to give birth to wines that reveal the secrets”.

Trust me, the wine has a great taste but what surprised me the most is that this winery was selected by the CNN as one of the greenest building in the world; and what a building.

Well, I believe in this case images talks more than words, therefore, please enjoy:

This slideshow requires JavaScript.

Caffè nero bollente

Il mio recente articolo – “espresso : “giornate” = Italia : business” – ha ricevuto una particolare attenzione dagli operatori del settore e canale Ho.Re.Ca.

La condivisione e successiva visibilità dovuta ai social network ha portato l’articolo ad essere letto e commentato off-line da molte persone che, ringrazio pubblicamente, mi hanno scritto. Tutti sono d’accordo con il mio pensiero ed alcuni hanno volutamente illustrato il loro punto di vista.

Daniele, che ama definirsi “l’ultimo dei romantici” in riferimento al suo lavoro da Barista (la maiuscola non è un errore ma la volontà di dare risalto ad una professione difficile e dignitosa), pensa che si stia perdendo il vero senso del “mestiere”. Scrive: “essere un Barista non è solamente una questione di tecnica”. Verissimo, per fare il Barista servono anche anima e corpo, perchè per stare anche 10 ore in piedi dietro ad un bancone a contatto con la clientela più disparata, servono doti e capacità, anche intellettuali, non indifferenti. Poi certo, dipende dal contesto.

Infatti non basta registrarsi ad un evento come la “giornata dell’espresso italiano” per far del proprio bar un locale di qualità.

“Ma dove è finita l’umiltà?” chiede Daniele. “Per operare professionalmente ci vuole umiltà e vocazione, non arroganza e saccenza. Non si diventa Baristi dopo 15 minuti di contest o solamente perchè si sono comprate delle costose coffee stations. Il vero Barista è quello che non spreca, è quello che usa anche il porta filtro da uno. Noi siamo la prima ed in certi giorni anche l’unica faccia amica per molti dei nostri clienti, i quali sono gli unici veri protagonisti del nostro locale”. Ricorda Daniele che negli anni 90, fece il suo primo corso da Barman dal Sig. Cinelli, il classico Barman d’albergo vecchio stile che parlava ben 7 lingue e leggeva 3/4 quotidiani al giorno per avere una visione completa e non di parte di quello che accadeva nel mondo, per poter affrontare qualsiasi tipo di conversazione. Daniele cita il Sig. Cinelli: “Per imparare a fare un cocktail ci vuole poco, per imparare ad essere un Barman ci vuole una vita”.

Verissimo, il mestiere dell’ospitalità si impara strada facendo, con dedizione supportata da continui aggiornamenti e tanta pratica. 

Presentazione standard1

Alcuni, mi hanno scritto risollevando la questione del “patentino” o comunque di un certificato o come volete chiamarlo, che permetta solo a chi ha seguito almeno un corso ad operare dietro un bancone. Come accade all’estero. Magari ne parleremo prossimamente.

Infine, come richiesto nel mio precedente articolo, vi informo che non ho ancora ricevuto risposta dal Dott. Zecchini, presidente dell’Istituto Nazionale Espresso Italiano a cui ho inviato anche una email di conoscenza dell’articolo. Vi terrò informati.

Vi lascio con l’invito a leggere “Il flop della 1° giornata europea del gelato artigianale. Le considerazioni di una ex” (Brava Alessia!) e ne approfitto per augurare a tutti una felice e serena Pasqua!

espresso : “giornate” = Italia : business

No, non è un’equazione! Comunque la mettiate.

Cosa significa? Presto detto, ma prima una giusta e breve premessa, ovvero: “il prossimo 12 aprile, si “torna” a celebrare l’Espresso Italiano Day, la giornata dedicata al nostro caffè”. Così recita il comunicato stampa pubblicato dall’Ansa che riprende la notizia dell’Istituto Nazionale Espresso Italiano.

Analizziamo assieme la news: la prima cosa che mi salta all’occhio è che si “torna” a festeggiare, quindi vuol dire che si è già festeggiato almeno una volta, ovvero, si è già fatto esperienza. Ma allora perchè si ripetono gli errori? La seconda cosa che noto è la confusione tra lingua italiana ed inglese. Se si vuole festeggiare un prodotto ed una tipicità italiana, perchè questa “giornata” deve diventare “day”? Perchè dedicarla al nostro “caffè”, che non è nostro, infatti non lo coltiviamo ma lo trasformiamo solamente; e perchè quindi chiamarlo caffè, quando si chiama espresso?!?!

d9bd77f9181e907cf4a1947ef829eeceMi domando: se si festeggia l’espresso, bevanda realizzata dal o con il caffè (chi ne sa di più mi corregga pure), perchè si continuano a confondere i due termini? Perchè in Italia, patria dell’espresso, continuiamo a chiamarlo caffè?

Ma avete notato la foto pubblicata dall’Ansa? Nulla da dire a loro, non sono del mestiere, ma se fossi dell’Istituto Nazionale Espresso Italiano o un barista professionista, mi indignerei. Secondo voi quello è un espresso? A me sembra più che alla barista gli si sia addormentato il braccio o forse è colpa del fotografo che ha chiesto tempo per mettere a fuoco? Mah!

Povero espresso!

Torniamo alla non equazione. Cosa vuol dire? Significa che mentre in Italia si perde tempo a far le “giornate” – vedi anche la giornata europea del gelato – all’estero si pensa a fare business.

Traduco: noi creativi italiani, ci perdiamo in chiacchiere e progetti macchinosi senza fine e senza esser capaci di fare rete (che sia Franchising o semplice ATI), mentre all’estero si concretizza molto e subito. Se l’esperienza insegna, ci hanno già sottratto l’identificazione del caffè (vedi Starbucks e grazie a illy per quanto fa), la pizza (vedi Pizza Hut, a breve anche in Italia), la pasta (vedi Vapiano, La Tagliatella, ecc) e probabilmente a breve anche il gelato, visto che le uniche vere “reti” italiane si sviluppano solamente all’estero e chi sta approcciando il settore lo fa più per disperazione (leggi disoccupazione) che per vocazione o vero spirito imprenditoriale.

Una recente ed accesissima discussione su facebook, con amici e colleghi professionisti del settore, proprio su questo tema, mi ha fatto ribollire il sangue verso il pressapochismo italiano nei confronti di noi stessi. Ci si preoccupa delle giornate, di fare un prodotto DOP piuttosto che DOC ma quando c’è da sviluppare un business, esempio un progetto di Franchising, che tutelerebbe a priori molto di più, ci si perde in “giornate” fine a se stesse, cavilli burocratici, organizzativi, di invidia verso gli altri ed in domande fuori luogo come quelle dei torrefattori, che davanti ad un progetto imprenditoriale per lo sviluppo di una rete di caffetterie, ancora si domandano: “ma quanti chili di caffè vendiamo?”. Forse, più che le giornate per diffondere la cultura del caffè o di altri prodotti presso i consumatori finali, bisognerebbe fare più formazione imprenditoriale, soprattutto in ottica di internazionalizzazione.

Vorrei infine chiedere al Dott. Zecchini, presidente dell’Istituto Nazionale Espresso Italiano cosa intende, parlando di espresso, quando afferma che: “la cultura italiana del caffé è basata sulle differenze regionali”. Ma l’espresso non è uno solo, unico ed inimitabile? Le differenze regionali non si riferiscono forse a declinazioni della stessa bevanda che viene miscelata con altre, per lo più alcooliche? Non è forse vero che anche Lavazza ha realizzato delle “ricette regionali” ispirandosi a cinque tipicità italiane? Ovvero 5 declinazioni regionali dell’espresso?! E poi, qual’è il criterio con cui un esercizio pubblico di dovrebbe o potrebbe  registrarsi per aderire a questa iniziativa? Chi controlla la qualità dell’espresso servito?