Tag Archives: shopping experience

I love technology when it helps.

Are you looking to increase your sales, using a great new lead generation tool?

Among the others, Leadfeeder is what I recommend if you need to identify and track potential leads easily and quickly. You will have the possibility to monitor who visits your website and where they’re from. Isn’t great?


Being aware of who is looking at you, marketing actions can be made with a specific target. This is exactly what we do at DESITA and we usually invite our customers to use this tool to be more active in this competitive market.

Leadfeeder. It’s a kind of magic!


Food, time and business. All good!

Yesterday I had the possibility to do what I like the most; combining business with pleasure.

2013-09-28 12.56.08

I was meeting with a very important and great person to discuss about business and we choose the lunch time instead of any other time in the day in order to relax a bit and not to be bored by the usual meeting in the office. Yes, nothing so new or special maybe but trust me if I tell you that sometimes combining good food, good persons and good times, it really makes your day.

We went to one of my favorite fish restaurant right on the beach which is luckily not observing the season timing. It’s always open and with fresh or quality food. As you can see from the above photo, shot upon arrival, the beach was almost empty and the general atmosphere was really quite. Perfect temperature to eat outside.

Well, we ordered “Passatelli with seafood”. Tasting, light and delicious. And we start talking about business. No wine was requested just to keep the mind clear and to pay full attention to the important subjects.

Yes, one day I will move my office in a restaurant or in a coffee shop.

So, at the end of the story, in few very pleasant hours I’ve been commitment for one project in Canada and one in France. What’s first?

When good food, good persons and good times makes also good business.

Add your own creations to the menu

Tokyo’s Logbar uses iPads to enable its patrons to make their own concoctions and add them to the menu for other guests to buy.

During my daily research on the web I usually find great ideas or new trends that help me to enlarge my professional know-how and related vision but today, thanks to my friend Silvia who forwarded me this news, I’m glad to share with you something which sound to me like a new era of social entertainment or social involvement and why not a new way to make profit.

20130808-130933.jpgHere how it works: “Each customer is handed an iPad Mini upon entering Logbar and is required to create an account and fill out their personal profile before they can use the device. When they do, they can access the bar’s drinks menu, place an order and take advantage of a number of social features, such as liking and sharing their favorite cocktails and chatting with friends and other guests. Each account holder gets a news feed which logs their recent orders, shows them what other people in the bar are drinking and offers recommendations based on their choices. While Logbar stocks many popular cocktails such as Mojitos and Martinis, the platform enables users to make their own cocktails by selecting the glass, alcoholic ingredients, mixers and adornments. They can then order the creation, name it and add it to the menu for anyone else to try.
Important: Creators receive JPY 50 whenever someone else orders their creation.
The video below explains a bit more about the concept:

The system aims to better connect customers through fun, creative activities and communication channels, and the possibility for guests to make money while they drink is certainly a unique one. (source)

Do you think this kind of interactivity could be healthy for the business?

Business Retail Tour e fiera del Franchising di Dubai

Vi piacerebbe sviluppare il vostro business in un mercato in crescita?

Se pensate che il vostro Franchising  sia adatto al mercato degli Emirati Arabi Uniti e/o quello del Medio Oriente in generale, la prima esplorazione da compiere è proprio nella città più in fermento del mondo: Dubai.


Se stavate pensando di andarrci per prendere i primi contatti con il mercato locale, vi sarete sicuramente chiesti:

– Come faccio ad ottimizzare la mia permanenza e di conseguenza i miei costi?

Come faccio ad organizzare le visite e gli incontri dall’Italia?

– Chi può darmi strumenti ed informazioni per prendere la decisione giusta?

Riuscirò a conoscere gli investitori locali?

L’importante occasione è in concomitanza con la 5° Franchise UAE EXPO, la Fiera Internazionale del Franchising e del Retail, di cui DESITA è promotore esclusivo per l’Italia, che si svolgerà a Dubai il 25 e 26 settembre prossimi.

Recenti studi hanno dimostrato che il 97% dei fallimenti è derivato da una mancanza di attenzione verso i mutamenti del mercato. Questo significa che lavorare in un determinato settore senza conoscerne e anticiparne in maniera approfondita le dinamiche evolutive espone il business a rischi sostanziali, fino a minacciarne la profittabilità e la sopravvivenza. Chiaramente questi rischi risultano accentuati in un periodo di crisi. Chi desidera superare questo brutto periodo deve innanzi tutto lavorare su un elemento di discontinuità culturale, modificare il proprio approccio al mercato.

DESITA, società di consulenza e progettazione di spazi Retail con forte know-how nel settore della ristorazione e nello sviluppo Franchising, presente a Dubai da oltre 10 anni, in collaborazione con Milano Retail Tour, l’unico format rivolto alle aziende per esplorare le tendenze emergenti nei luoghi del Retail milanese ed internazionale, vi propone un viaggio alla scoperta del cambiamento in atto nel mondo del Retail di Dubai, nonché la possibilità di incontrare selezionati investitori arabi, tramite meeting B2B dedicati ed esclusivi.

Per scaricare la presentazione: Business Retail Tour

Per maggiori informazioni, scrivere a info@desita.it


In-store marketing and it’s influence on customer spending

Two days ago, I made my second speech of the year.

After the prestigious stage of TED, at the Bocconi University, this was the time to perform at BIFEX, the Beirut International Franchising Forum and Exhibition.

Professional people from allover the GCC countries but also some from oversea, attended to this very well organised event by Al-Iktissad Wal-Aamal, to share the Franchising philosophy, new trends and related businesses opportunities.

I wish to thanks the greatness Lebanese Franchise Association people for the very kind invitation and I hope to continue our cooperation as per our talks, checking the possibility of twinning Lebanon and Italy, therefore the LFA with IREF Italia.

For those who couldn’t attended, I’m gladly sharing here my speech presentation. Any questions or feedback are highly appreciated.

2013-04-18 07.02.32

This slideshow requires JavaScript.

15 days of travels and food around the world

Last 12th of February, with a colleague of mine, I went to Ljubljana to meet some potential clients willing to develop a new food concept project. It was snowing and as soon as we entered in Slovenia, the panorama changed. slovenia0

Beautiful. Striking.

We arrived at the perfect time to make the check-in at the hotel and to have some free time to enjoy Ljubljana downtown. Have you been there? You should, its beautiful! Again the time was perfect to have an aperitif. We went to one of the most beautiful wine bar I ever seen, the Movia. The atmosphere you can brief there is totally brought from the vineyards. We had Movia Cabernet Sauvignon. Outstanding ! Dinner at River House.


On the 14th, I flew to Madrid to meet an architectural and engineering group for Retail and Food & Beverages projects. Their great services are complementary with those of DESITA, therefore we met to find a mutual benefit business collaboration agreement. We succeed! Later on, we went to visit some of their projects. Dinner at La Tagliatella an impressive franchising concept.

Presentazione standard1

Last week I was in Dubai to attend to Gulfood. I was there together with FCSI EAME colleagues to guard the booth at the exhibition. We have been successful. Foodservice Consultants Society International (FCSI) is the premier association promoting professionalism in foodservice and hospitality consulting. With over 1300 members in over 46 countries, FCSI members offer a wide range of consulting services including concept development, feasibility studies, food safety, design, marketing, operations and training. FCSI is changing a lot in its structure, philosophy and mission and we are all proud of this huge effort made by the Board of Directors. The website is brand new like the “foodservice consultant” magazine that provides authoritative insight, opinion and intelligence to help foodservice professionals keep in touch with the tings that matter.

It was nice to meet with clients, colleagues and old friends.

Dubai-Burj-KhalifaFor an important meeting I went to the Armani Hotel at Burj Khalifa, the tallest building in the world. It was my second time there after its opening and to meet with my guest, I went to the coffee shop in the lobby. Time was nice so we decided to share an Italian bottle of wine. With all my surprise, the young waiter served us the ordered white wine with apparent difficulty and … the white wine wasn’t cold and not even fresh. Unbelievable.

We pointed out the regrettable inconvenience and the waiter brought us immediately a new bottle … with the same warm temperature. We had to call the waiter back and ask at least for an ice bucket and wait for a more pleasant wine temperature.

The fact is that I paid that bottle like 70 Euro and I didn’t receive any good service. It’s a shame as we were in THE Location. Now I probably understand why the f&b manager didn’t reply to my emails last year when I had my dinner at Mediterraneo. Beautiful atmosphere but very normal food. I think Armani Hotel has a lack in training human resources. Mr. Giorgio, please do something!

While I was in Dubai, I’ve been invited from a Sheikh friend of mine to attend the Peru Food Festival at Madinat Jumeirah’s Souk Amphitheater. What a surprise the Peruvian food. It’s just great! And it’s considered on the the next food trend worldwide.


So hurry up my friends, let’s organize a trip to Peru and all its wonders. Ready?

Well, I can’t write about everything happened because 15 days are quite long and things are many. I hope you enjoyed these few facts.

Traveling and sharing time with great people while having good food. Yes, that’s life!

Non predere il treno del “green”

Articolo pubblicato “in AZ Franchising di gennaio 2013″. Si ringraziano AZ Franchising e il Dott. Mirco Comparini per la collaborazione.

Il Franchising, come modello di business, è spesso associato a grandi marchi di catene multinazionali con prodotti industriali, quindi standardizzati, e con relativa assenza di legame e valorizzazione dei prodotti artigianali.

Ma qualcosa sta cambiando anche perché il gradimento del consumatore finale verso i prodotti “green” sta aumentando notevolmente.


Prendiamo in esame il settore della ristorazione.

Sempre più persone consumano pasti fuori casa (trend in aumento in Italia rispetto all’inversione europea) con la conseguenza che la ristorazione continua a essere un settore produttivo in costante espansione con necessità, da un lato, di promuovere e assicurare la somministrazione di cibi sani e di buona qualità, dall’altro, di un sempre maggiore utilizzo di prodotti d’origine controllata, certificati e, dove possibile, di prodotti biologici al fine di non impattare sull’ambiente e sulla salute delle persone. In Italia, come soprattutto all’estero, stanno nascendo progetti di caffetterie e bistrot eco-friendly. Formule retail diverse dalle classiche, dove l’esperienza percepita dal cliente è sicuramente più positiva e meno “commerciale”. Si tratta di una nuova sfida per la ristorazione: lo sviluppo sostenibile in una gestione di eco-efficienza al motto di “Dimmi cosa mangi e ti dirò chi sei”. Prendere consapevolezza del fatto che esiste una forte correlazione tra cibo, ambiente e salute può portarci a riprogettare il modello gestionale della ristorazione in ottica “green”. Un fenomeno che vede l’affermarsi di un consumatore più consapevole e più attento alla qualità non solo degli alimenti. Tale fattore è da una parte strettamente legato all’investimento sul capitale umano e sul livello di istruzione, dall’altra al verificarsi negli ultimi venti anni, non solo nel nostro Paese, di una serie di scandali alimentari (“vino al metanolo”, BSE meglio cono-sciuta come “mucca pazza”, “pollo alla diossina”, ecc.) che hanno avuto come conseguenza una maggiore attenzione del consumatore ai rischi alimentari, lo hanno reso più attento alle diverse forme di informazione e di etichettatura degli alimenti. Il tutto combinato a una sempre più crescente “coscienza ecologica”.

1Già attiva nel campo della zootecnia, la normativa prevista dal Regolamento CE n.178/2002 per la tracciabilità dei prodotti sarà nei prossimi anni un punto importante anche per la ristorazione (movimentazione, stoccaggio e trasformazione degli alimenti nel punto vendita, ecc…). Gestire la tracciabilità completa, può essere difficoltoso anche se oggi nuovi software permettono un’estrema automazione per essere in regola con il regolamento. È possibile così acquisire il carico di materie prime manualmente o grazie ai barcode, assegnare un codice di lotto, gestire il magazzino e scaricarlo in automatico, seguendo le produzioni della giornata. Un buon sistema di tracciabilità, oltre che ad ottemperare alle normative comunitarie, permette un controllo totale della propria attività produttiva azzerando quasi completamente gli errori dovuti a merce non utilizzata o acquisti sovra-dimensionati.

Anche le catene e le reti di franchising del settore food sono ben consapevoli che non possono e non potranno esimersi da tali passaggi e da tempo molti marchi a notorietà internazionale si sono attivati in tal senso, ognuno con iniziative diverse. Infatti, proprio per il loro sviluppo e la loro crescita, in termini di tempo e spazio, le catene possono risultare alquanto “impattanti” su tutto il settore green. Tralasciando di descrivere nel dettaglio in che cosa consiste un locale ecofriendly e di analizzare tutte le “buone pratiche” che deve rispettare per essere definito tale, diciamo soltanto che gli impatti ambientali nel settore della ristorazione sono molteplici: dai consumi energetici a quelli idrici, dal trasporto degli alimenti, al consumo dei prodotti, siano essi per la pulizia, per la
promozione, ma anche per la stessa somministrazione pasti. Inoltre, non è possibile non citare, infine, la produzione
dei rifiuti. In sintesi, questi i punti principali affrontati da chi si è già messo all’opera: riduzione delle emissioni
di CO2, approvvigionamenti da forniture e filiere sostenibili, riduzione dei consumi, riduzione e corretta gestione dei rifiuti, utilizzo di attrezzature ecocompatibili e certificate, utilizzo di arredi realizzati con materiali e prodotti certificati.

3Ma che cosa significa tutto questo quando si è al punto zero, ovvero quando si inizia a pensare o, meglio, a progettare un locale di ristorazione? L’approccio è completamente diverso, così come è diverso il know how specifico mentre l’esperienza può aiutare, soprattutto per sfatare il falso mito che sostenibile è sinonimo di costoso.

Inoltre, la direttiva sull’eco-design nota come EuP (Energy using products) ha istituito un quadro per la progettazione ecocompatibile di un negozio, come il recupero, il ciclo di vita del prodotto, il loro futuro smaltimento o recupero. Le varie iniziative delle catene non sono un fenomeno da sottovalutare, in quanto, così facendo, oltre a rinnovare il proprio know how rispetto alla formula originale, potranno rappresentare un esempio per il settore, cambiandone in meglio l’atteggiamento, le procedure, i servizi e naturalmente i prodotti a vantaggio della collettività. Infine, ma non meno importante, lo sviluppo di una catena in franchising di un concept basato sui principi della sostenibilità aiuterà la stessa a diffondersi maggiormente e più rapidamente.

Stai calmo, beviti un caffè! Per favore!

I ritmi della vita odierna si fanno sempre più frenetici, il tempo a disposizione sembra sempre meno. Siamo di corsa.

Il modo di vivere la nostra quotidianità è cambiato, tant’è che un gesto semplice, come quello di bere un caffè, per molti è diventato: “la pausa alla macchinetta”. Ma pensate di essere Luca e Paolo su Camera cafè?

Purtroppo stanno proliferando i locali dediti ai distributori automatici. Nulla in contrario se, posizionati o utilizzati in circostanze “d’emergenza” o in azienda, ma se diventano l’alternativa al bar allora qualcosa non va. Infatti molte persone consumano caffè e derivati dalle macchinette automatiche anche in presenza di bar nelle vicinanze.

Forse sarò un italiano “vecchia maniera”, uno che si emoziona solo a sentire il profumo del caffè appena fatto, uno che cerca di “leggere diversamente” il disegno fatto dal barista sul cappucciono fumante, con tutto il rispetto del “latte art”, uno che se deve incontrare un amico gli da appuntamento al bar e non davanti ad una macchinetta; ma trovo questa tendenza poco affascinante e per nulla rispettosa di una tradizione italiana invidiata nel mondo.

Il mio timore, è che questa tendenza in aumento sia dovuta al fatto che sempre più persone disconoscono il prodotto caffè e quanto ne gravita attorno. I consumatori sono bombardati da offerte più o meno valide e fanno fatica ad aggiornarsi; i “baristi”, sono spesso persone volenterose ma gettate dietro il bancone senza nessun tipo di formazione, con il rischio di passare per cafoni. Ma sapete quanto vi costa la formazione che non fate? Molto di più di quanto scuole professionali, e ce ne sono diverse, potrebbero chiedervi.

Infine, se condividete quanto ho scritto sopra, la prossima volta che andate al bar, ricordatevi di chiedere un caffè, o meglio un espresso, aggiungendo semplicemente: per favore. Vedrete, sarà più buono.

I never thought of writing about Kellogg’s (temporary ‘tweet’ shop in London)

Oh my God! What a fantastic marketing idea and social media experiment. Don’t you think so? I trust this is a great prove of what very creative brains can do when clients are open minded and ready to try new formulas of market approach.

“The standalone store – thought to be the first to allow customers to pay by tweet instead of money – is being used to mark the company’s move into the savory crisps market and is open until Friday 28 September”. Its’ tomorrow, hurry up!! 

“The temporary store encourages customers to pay for a packet of cereal by tweeting a message about the snack range. As well as the company’s first move into crisps, the shop is also Kellogg’s first venture into the retail arena with its very first dedicated physical space in the UK.
The shop is staffed by a number of iconic Special K girls in red dresses, who will check each customer’s Tweet before handing over the crisps.
The Tweet Shop is lined with hundreds of packs of crisps, a ‘try before you buy’ snacking area and a ‘community notice board’ that captures social media reaction to the unique retail space”. (abstract from Gemma Balmford article. Thanks Gemma)

Bartering is growing as the economic situation is raising and this is both a new way of bartering and a new boundary of Retailing. A tweet for a sample product. Ingenious.             I would love to read the marketing report.

What do you think readers?