Il mio Hotel – Dubai con sorpresa

Ho prenotato con cura 5 hotel per i prossimi due mesi: Dubai, Milano, Doha, Abu Dhabi, ancora Dubai. Quella della pianificazione è un’inclinazione personale, forse, ma è anche un’arte, un potente strumento di efficacia e salvezza, oltre che di business.

L’importanza di analizzare e pianificare l’ho appresa sulla mia pelle, quando, nel 1997, che ancora non avevo creato DESITA e mi portavo a spasso i miei invincibili 26 anni, arrivai per la prima volta a Dubai, di notte, stravolto dal viaggio (allora si volava con Alitalia!), dalla tensione delle prime esperienze lavorative internazionali e trovai naturale infilarmi nel primo albergo disponibile, purché vicino alla sede del mio appuntamento, un paio di giorni dopo.

Dubai viveva il periodo della sua crescita esponenziale e si trovavano con facilità strutture a 4 stelle che, nel mio immaginario, mi avrebbero garantito un soggiorno senza particolari problemi. In quell’occasione mi misero in mano la prima chiave elettronica in formato tessera della mia vita e io mi sentii un po’ dentro Star Trek.

Infilavi la tessera, le luci e l’aria condizionata si accendevano e ti regalavano la vista di una stanza enorme, con il letto matrimoniale a novanta piazze e i cuscini che parevano altrettanti letti.

Ero felice. Cosa poteva andare storto?

Peccato non avessero previsto che, una volta usciti, tolta la tessera, spente le luci, spenta l’aria condizionata, gli scarafaggi si sarebbero impossessati del territorio per le loro scorribande notturne.

È lì che ho avuto la prima folgorazione della mia carriera: mai più niente di improvvisato.

Subito seguita dalla seconda folgorazione: anche le strutture più insospettabili hanno bisogno di consulenza.

La terza folgorazione, poi, mi sparò nel Nirvana: che te ne fai di una location stupenda se non funziona in ogni minimo dettaglio? Se non è pensata per gestire le peculiarità di quel territorio?

Ne dovevo fare di strada.

Insomma, il ’97 fu l’anno degli scarafaggi e delle folgorazioni in hotel.

Ma ogni volta ce n’è una: incredibili sorprese e stratosferiche delusioni.

Ho deciso, ve le racconterò in tempo reale nei prossimi giorni.

Mica mi lascerete solo?

About Norman Cescut

I love my job because I simply believe in what I do and I love to do it. I love traveling, both for business and pleasure. Meeting different people and cultures has always fascinated me, it enriches me. I love laughing, enjoying good food, my BBQ is highly appreciated by all of them. I love dancing and I love taking portraits. I’m in love with life. . - Owner & CEO at DESITA, the International Retail & Foodservice Consultancy Company specialized in shop concept design, franchising and sustainability. - Vice President, National and International Coordinator of IREF Italia, the European Franchise & Partnership Network Organization. - MENAFA Ambassador to Italy (Middle East and North Africa Franchise Association) - International Franchise Academy member and part of its Knowledge Tank. - Creator & founder of ECOFFEE the sustainable coffee shop project & related sustainable entrepreneurship platform. - Representative for the sustainable business in Italy of HH Abdul Aziz bin Ali Al Nuaimi, aka “Green Sheikh”, member of the Ruling Family of the Emirate of Ajman – UAE.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s